Ragazza stile anni 90
Uomo

Come vestirsi anni 90

Come vestirsi anni 90? Se non siete vissuti in quel periodo o se non avete dei parenti in grado di darvi qualche dritta in proposito siamo qui per voi: chissà che, affascinati da quest’epoca, non decidiate di organizzare una bella festa a tema.

Ecco allora concentrato in poche righe tutto quello che c’è da sapere sulla moda anni 90.

Look anni 90

La moda dell’epoca era estrosa ed originale ed offriva la possibilità di spaziare tra generi e stili con una certa elasticità. Esistevano però dei capi d’abbigliamento jolly, vestiti che tutti avevano nell’armadio e che all’occorrenza traevano fuori da ogni incertezza. Ci riferiamo agli intramontabili jeans, alle t-shirt monocromatiche, agli anfibi da abbinare con tutto, persino con vestitini molto femminili, al chiodo, altro capo d’abbigliamento che veniva accostato a qualsiasi indumento, alle sneakers ed alle giacche jeans. Quelli appena citati erano dei veri e propri must per chiunque amasse seguire il trend del momento, ma andiamo con ordine.

Una prima proposta, addirittura unisex, è quella della salopette, rigorosamente in denim o nera, da indossare in combo con una maglietta in tinta unita (preferibilmente bianca o in alternativa scura) o un top. Questa tutina poteva essere del tutto abbottonata o lasciar penzolare una delle due bretelle oppure ancora rimanere sbottonata sui fianchi. Alla salopette si abbinavano di solito le sneakers, ma qualcuno preferiva utilizzare gli anfibi.

Le donzelle sfoggiavano anche delle vertiginose minigonne che  sdrammatizzavano un po’ scegliendo delle texture plaid, a pois o a piccoli fiori o, per chi non sapeva proprio rinunciare al suo lato sensuale, animalier o nero lucido. A questo capo di abbigliamento lo stile anni 90 associava spesso t-shirt monocromatiche striminzite, calzettoni lunghi, chiodo ed anfibi. A volte veniva completato il tutto con delle sfiziose bretelle ed in luogo degli stivaloni di cui sopra si sceglievano dei sandali di moderata altezza mentre ai calzettoni si sostituivano dei calzini ipercolorati.

Immancabili per gli amanti del casual erano anche i jeans a vita alta da abbinare nella maniera più libera e svagata possibile a tutti i capi di abbigliamento reperibili in commercio.

Gli uomini invece vestivano spesso con delle tute in acetato (oggi non lo farebbe più nessuno, ma all’epoca era un trend seguitissimo), con dei jeans contraddistinti da un cavallo molto basso, con maglioni e magliette fuori misura, bomber coloratissimi, sneakers ed immancabile berretto con visiera indossata lateralmente o in modo da essere rivolta in direzione delle spalle. Ah, non dimentichiamoci infine di giacche fuori misura rigorosamente in pelle o in denim!

I vestiti anni 90 in fin dei conti avevano conservato quell’aria autoironica e sbarazzina che molto spesso ha accompagnato la moda degli anni 80. Prova ne sono gli accessori imprescindibili per l’epoca: dagli zaini ai marsupi, dai cappellini ai monospalle.

La ragazza della porta accanto

Accanto agli estrosi modelli di cui sopra per le donne esisteva anche una tendenza un po’ più sobria, il cosiddetto look da brava ragazza. Se il genere vi attira procuratevi delle voluminose gonne a ruota oppure dei vestitini lunghi sino al ginocchio se non di più e che evidenzino i fianchi per poi andare a svasare in direzione delle gambe. In questi casi il must è la fantasia floreale, il rigato o la tinta unita. A tali abiti, davvero molto femminili, si abbinavano comunque gli anfibi e di tanto in tanto anche le brave ragazze indossavano top striminziti che mettevano in bella mostra l’ombelico. Questi ultimi venivano accoppiati a pantaloni che riproponevano in tutto e per tutto le forme femminili pur cadendo sul corpo in maniera molto morbida. Anche questi avevano spesso fantasie floreali.

Attenzione ai colori: gli accessori erano di solito particolarmente vistosi in tal senso. Si usavano lacci e stringhe fluo, a volte di tinte diverse tra una scarpa e l’altra, orologi dotati di cinturoni disponibili in tutte le cromie possibili ed immaginabili e chi più ne ha più ne metta.

Il trucco invece era molto tenue ed andava ad accentuarsi appena  in prossimità degli occhi (si consumava parecchio mascara all’epoca!) o delle labbra.

Lo stile grunge

L’abbigliamento anni 90 è anche un abbigliamento urbano, per certi versi casual per altri duro, adatto ad una vita da strada. Si tratta di una rivisitazione delle linee punk tanto amate nel decennio precedente e che ovviamente prevede un ampio uso di borchie, capi in pelle, texture plaid, skinny jeans, camicie tartan e degli immancabili anfibi.

Nel tentativo di riproporre questo stile finto trasandato, non dovrete mai dimenticare di annodare qualcosa in vita, preferibilmente un maglione o una camicia.

Le scarpe anni 90

Le scarpe anni 90 per antonomasia, come avrete sicuramente capito, erano gli anfibi. Le donne indossavano anche dei sandali molto alti ma dai tacchi spesso quadrati e larghi o dal plateau decisamente comodo. Scarpe da ginnastica e sneakers rappresentano infine altri must dell’epoca.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi