Bambina mangia anguria
Bambini

Come vestire un bambino in estate

Se durante l’inverno la preoccupazione di ogni mamma è quella di non far prendere troppo freddo al proprio figlio e cercare di proteggerlo dai malanni di stagione (specie se troppo piccolo), in estate la stessa preoccupazione si manifesta in presenza di temperature troppe elevate: la paura che senta troppo caldo, o che al contrario sia vestito troppo leggero, fa sorgere mille dubbi su cosa fargli effettivamente indossare per evitare colpi di calore o qualsiasi altro problema di salute.

Come sempre la parola d’ordine quando si tratta di vestire i più piccoli è una sola: comodità. Da questo punto di vista, la stagione estiva permette ai bimbi di liberarsi da indumenti pesanti come pullover e giocare più liberamente senza impaccio, ma è importante trovare il giusto compromesso. Dunque, come vestire un bambino in estate? Quali sono gli accorgimenti da adottare? Lo spieghiamo in questo articolo.

I migliori capi d’abbigliamento estivi per un bambino

Quando pensiamo all’estate, i primi capi che ci vengono in mente sono anche quelli più classici e utilizzati da grandi e piccini: per cominciare ad alleggerirli gradualmente dopo i mesi invernali, vanno benissimo i maglioncini di filo o le felpe di cotone. Canottiere smanicate e pantaloncini sono invece perfetti da indossare a estate inoltrata, così come gli abitini leggeri per le femminucce abbinati a sandali o comunque a scarpe aperte. Intramontabili anche i cappellini con visiera, adatti da sfoggiare in spiaggia e per le giornate particolarmente assolate.

Se siete mamme di un neonato, potete optare per i body in cotone leggerlo, i cappellini, i calzini e le copertine di cotone; vanno bene anche tessuti come il lino e la seta, per far traspirare bene la pelle evitando i ristagni di sudore. Per lo stesso motivo sarebbe meglio lasciare il bambino libero dal pannolino, in quanto il calore potrebbe causare la cosiddetta “dermatite da pannolino”.

In generale, comunque, è sempre meglio portarsi dietro golfini e giacchette per scongiurare raffreddori dovuti agli sbalzi di temperatura tipici dell’estate.

Togliere il body (o la canottiera): sì o no?

Se vi state chiedendo quando e se è il caso di togliere la canottiera o il body al vostro bambino, possiamo consigliarvi di tenere  d’occhio la temperatura e orientarvi in base a essa.

Di solito, man mano che l’estate avanza le temperature si alzano progressivamente, fino a mantenersi stabili intorno ai 30 gradi: a quel punto sì, via canottiera e via body.

Fino a quel momento è meglio non toglierli, facendo attenzioni a eventuali spifferi. Se in casa utilizzate dei sistemi per rinfrescare l’aria come i condizionatori e i ventilatori, è sempre meglio mantenere un lenzuolino nella culla anche durante la notte.

Il colpo di calore

I bambini, non avendo ancora sviluppato appieno la capacità di disperdere il calore, sono maggiormente soggetti al colpo di calore in estate. Dunque, oltre a seguire tutti i consigli e gli accorgimenti già elencati (vestirli con abiti leggeri e mettergli cappellino con visiera), fateli bere molto ed evitate di farli stare sotto il sole nelle ore più calde della giornata.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi